• Instagram
  • Facebook Icona sociale
  • Youtube

CEMI COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

Via San Donnino 4, Bologna

amministrazione@cemi.bologna.it

cell: 3911000205

IBAN IT13 J070 7202 4100 3300 0191 416

CODICE FISCALE: 03506291206

Scuola di musica riconosciuta per l’anno scolastico 2018/2019 con determinazione n. 6435 del 04.05.2018 del Responsabile del Servizio Sviluppo degli Strumenti Finanziari, Regolazione e Accreditamenti della Regione Emilia-Romagna, di cui alla DGR n. 2254/2009 come modificata dalla DGR n. 2184/2010

Shiniki Suzuki

(1898-1998)
Violinista, educatore, filosofo e umanitario.
Fondatore del Suzuki Method ™

Shinichi Suzuki ha passato la vita a dimostrare che l'abilità non è innata e che il talento può essere creato.


Nato a Nagoya, in Giappone, il 17 ottobre 1898, è ricordato per il suo metodo di insegnare ai bambini piccoli per permettere a tutti di sviluppare un talento eccezionale.

Suo padre, Masakichi Suzuki, gestiva un laboratorio che produceva strumenti tradizionali a corda giapponesi. Affascinato dal violino, costruì il primo nel 1888, e all'inizio del 1900 possedeva già la prima fabbrica di violini in Giappone, che era anche la più grande del mondo, e voleva che suo figlio Shinichi gestisse questa azienda di famiglia.

Shinichi però aveva imparato a suonare il violino, ispirandosi a una registrazione di Mischa Elman che suona l'Ave Maria di Schubert e nel frattempo un ricco nobile giapponese della famiglia Tokugawa era diventato il mecenate di Suzuki: dapprima lo aveva invitato a Tokyo per le lezioni con Ko Ando - ​​un ex studente di Joachim - e poi lo aveva portato a Berlino nel 1921 per proseguire gli studi.


Suzuki divenne quindi uno studente di Karl Klingler, un altro allievo di Joachim.

Mentre a Berlino, Suzuki è stato aiutato da Albert Einstein. In una delle tante serate musicali ha incontrato la sua futura moglie, Waltraud Prange, una soprano. Si sposarono nel 1928. Suzuki tornò in Giappone l'anno successivo e formò un quartetto d'archi con tre dei suoi fratelli, girando per il paese per dare concerti. Nel 1930 divenne presidente della Teikoku Music School e fu direttore della Tokyo String Orchestra.

In una prova del quartetto, un giorno del 1933, sorprese i suoi fratelli affermando improvvisamente ciò che era considerato ovvio: tutti i bambini giapponesi parlavano giapponese. Con questa semplice osservazione, Shinichi Suzuki aveva scoperto un modo per sviluppare l'abilità musicale nei bambini. I bambini possono imparare a suonare uno strumento musicale (o qualsiasi altra cosa) nello stesso modo in cui imparano prima la lingua.

Nel 1946 Suzuki andò a Matsumoto, dove aiutò a fondare una scuola di musica che chiamò Talent Education Research Institute. In questa remota città nel centro del Giappone, sotto un antico castello e all'ombra delle imponenti e belle "Alpi del Giappone", ha continuato a sviluppare il suo metodo. Negli anni '60, gli insegnanti occidentali avevano iniziato aa andare lì per vedere gli studenti di Suzuki e per imparare da lui. Nel 1964 il primo gruppo giapponese di allievi suzuki si esibì negli Stati Uniti per educatori musicali, e nel 1973 il gruppo viaggiò in Europa.

Suzuki ha raggiunto i suoi obiettivi grazie al sostegno della sua straordinaria moglie, Waltraud. Preparò meticolosamente una traduzione inglese (dal giapponese) della sua autobiografia, Nurtured by Love, pubblicata per la prima volta nel 1969.

Il successo di Suzuki fu immediato e di vasta portata. I suoi primi allievi, Toshiya Eto e Koji Toyoda, hanno raggiunto la fama internazionale. Molti dei solisti di oggi e membri delle migliori orchestre hanno iniziato la loro educazione musicale come studenti Suzuki, così come un'alta percentuale di studenti che attualmente studiano nei conservatori di musica.

Oggi ci sono oltre 8.000 insegnanti Suzuki e oltre 250.000 studenti in tutto il mondo.

Suzuki parlava spesso di nutrire la "forza vitale", e la sua era d'esempio. Ha continuato ad insegnare in tutto il mondo fino ai suoi novanta anni ed è morto nel sonno, nella sua casa in Giappone, il 26 gennaio, il suo centesimo compleanno. Durante la sua vita ha ricevuto molti gradi onorari: nominato "tesoro nazionale vivente" dall'imperatore del Giappone e candidato al premio Nobel per la pace.