top of page
as 24/25 Stage Antiruggine a Castelluccio
as 24/25 Stage Antiruggine a Castelluccio

dom 01 set

|

Castelluccio

as 24/25 Stage Antiruggine a Castelluccio

☞ Scadenza iscrizioni Sabato 20 Luglio, posti limitati! ☞ Se l'iscrizione va a buon fine arriva una mail di conferma (controlla anche la spam!)

Orario e Luogo

01 set 2024, 11:00 – 03 set 2024, 19:00

Castelluccio, Via Alessandro Manservisi, 3, 40046 Castelluccio BO, Italia

Informazioni utili

Stage Antiruggine nel Castello Manservisi di Castelluccio

Da Domenica 1 Settembre a Martedì 3 Settembre

I ragazzi medi e grandi con un buon livello di autonomia dormiranno con noi insegnanti in un magnifico castello, senza i genitori.

Per i piccoli è possibile partecipare ma le famiglie dovranno rimanere per tutta la durata dello stage e organizzarsi in autonomia per dormire in paese (scorrendo la pagina trovate suggerimenti su hotel consigliati)

Ci aspettano nel suggestivo Castello Manservisi nel Comune di Porretta grazie alla collaborazione con l'Associazione Euterpe Mousikè che svolge corsi estivi in loco da più di 10 anni ( il famoso "Castelluccio tra musica e natura"!)

☞ Scadenza iscrizioni Sabato 20 Luglio, posti limitati!

☞Prezzo speciale: 250 € tutto compreso! (220 € per i fratelli)

Per chi è già a Castelluccio per i corsi della settimana precedente il costo è di 180 €

Cosa comprende la quota di iscrizione?

≫ Due notti nelle stanze del Castello (portare sacco a pelo, lenzuolo e asciugamani)

≫ Colazione, pranzo e cena - pensione completa;

≫ Lezioni di strumento per preparare il concerto nella chiesa di Castelluccio - Martedì 3 Settembre alle 18:00 - e il concerto di Settembre alla Tettoia Nervi/Piazza Lucio Dalla;

≫ Libero utilizzo delle sale dell’antico Castello, ai fini di studio.

Quando si inizia?

Domenica 1 Settembre: aspettiamo i ragazzi al Castello Manservisi di Castelluccio entro le 11 di mattina per sistemarsi nelle camerate.I piccoli possono arrivare più tardi, per l’ora di pranzo, 12:30/13:00

Quando e come si torna?

Dopo il concerto finale che sarà Martedì 3 Settembre, alle ore18:00, presso la chiesa del paese, in via Piave, cap 40046, Alto Reno TermeCome per l’andata, il ritorno non è organizzato in gruppo. Ognuno rientra con la propria famiglia.

Per i piccoli che fanno lo stage ma dormono con le proprie famiglie

Suggeriamo per il pernottamento:

Albergo ristorante Monte Piella

L'angolo di Anna

Borgo Castelluccio Country House

B&B Gabalegra

PER ARRIVARE:

In macchina prendete la Strada Statale Porrettana (SS64) in direzione di Via John Fitzgerald Kennedy/SP324 a Gaggio montano. Continua su Via John Fitzgerald Kennedy. Prendete Via I Maggio, SP57 e Str. di Castelluccio in direzione di Piazza Campoleoni a Castelluccio.

In treno trovate circa un treno all’ora da Bologna Centrale a Porretta Terme (info qui). Purtroppo le corse in bus fino a Castelluccio sono limitate, si può prendere il 787 per Pennola (Trovi gli orari qui)

Per ogni altra informazione:

Maestra Valentina Rebaudengo

valentina.rebaudengo@cemi.bologna.it

3482419230

Il borgo di Castelluccio Castelluccio è un piccolo borgo a 811 metri s.l.m. E’ collocato su un crinale che scende dal monte Cavallo e Monte Tresca da cui si dominano le valli circostanti. Si trova così quasi al centro, equidistante, dai comuni di Lizzano, Gaggio Montano, Porretta, Granaglione che caratterizzano l’Alta valle del Reno. Una posizione centrale, strategica, cui forse ha pensato Alessandro Manservisi quando nella seconda metà dell’800 ha voluto dar vita al suo castello secondo le forme delle rocche medioevali.La storia di Castelluccio, nel Comune di Porretta Terme, nella Provincia di Bologna, quasi al confine con quella di Pistoia si perde nei secoli (se andate a Roma, potete trovarne traccia nella sala delle carte geografiche dei Musei Vaticani). Ecco quindi le storie del Castello di Manservisi, della chiesa di Santa Maria Assunta, o poco più a valle di quella di San Michele a Capugnano o del  Santuario della Beata Vergine del Faggio. 

Ecco  la storia e la vita locale, religiosa e non, ben rappresentata nel museo Laborantes – il più grande della montagna bolognese –   gestito dalla locale pro loco “il faggio”;Ma Castelluccio è soprattutto natura; un ottimo punto di partenza per splendide passeggiate  tra boschi di castagno, di faggio, di abeti.  Percorsi di ogni tipo, trekking, moutain bike e anche un’area di decollo per deltaplani e parapendii.  E poi ci sono  campi da tennis,  un campo di calcio, un’area di tiro con l’arco e nei mesi invernali si può praticare lo sci di fondo su piste attrezzate con partenza dall’ex vivaio “i monti”.per altre info leggete qui:https://castellomanservisi.it/wordpress/

Condividi

bottom of page